Un camion si ferma, scende un uomo. Vedo che mi sta aspettando, risale lasciando fuori solo il culo ma con una mano mi fa segno di fermarmi. Dall’altra parte scende un bambino con una bandierina del Venezuela. Il papà “dai,dagliela!”. Sulla bandierina il padre ha appena scritto “Con gran cariño y corazòn, del niño Cristhian Enmanuel Guerrero, Sabana Grande, Estado Trujillo, Dios los bendiga”. Per me queste sono le cose che mi cambiano la giornata, che rendono un viaggio in bicicletta tanto speciale. Prendo la bandierina, sposto le altre 2 ed eccola là svettare fiera sferzata dal vento. Come detto occasioni che risollevano l’animo, specie in gironate come le ultime fatte di circa 400 km in 3 giorni. La strada corre quasi piana, il panorama è spesso uguale a se stesso anche se non mancano certo begli sprazzi. Il sole picchia e la fatica è tanta. Una delle sere sta quasi per fare buio quando riusciamo a raggiungere una stazione di servizio sull’autopista in cui ci han detto esserci un hotel. In effetti dietro alla “bomba” c’è l’indicazione. Suoniamo in guardiola, si apre di 5 centimetri la finestrella e una ragazza aspetta che parli. “Avete una stanza libera?” e lei mi risponde “Para quedarse?”, cioè “per stare”. Intende se vogliamo stare a dormire tutta la notte, perchè il posto è frequentato spesso per qualche ora, come poi verrà dimostrato dagli stantuffi e dai gridolini nella stanza dietro alla nostra. Alla domanda se vogliamo la stanza vicino a lontano dall’entrata la prendiamo proprio li a fianco. Non costa neanche tanto (tipo 8 euro) e ha tutto,bagno, aria condizionata, TV e addirittura un un piccolo frigorifero con una birra in omaggio. Spettacolare! Paghiamo e appena riceve il denaro fa “Oh, è appena andata via la luce..” Ma noi la prendiamo lo stesso, non c’è tempo di trovarne un’altra e la tenda non sapremmo dove montarla. Conle torce vado in bagno, apro l’acqua e mi faccio uno shampoo e mi insapono per bene. Poi al risciaquo non c’è più acqua. Niente elettricità, niente acqua ci dicono, e mi ritrovo come in un film comico tutto insaponato per 2 ore e mezzo in una stanza buia ad aspettare la luce.. Inconvenienti lungo lastrada verso la costa che ci regala ancora un autobus ribaltato dopo essere passato nell’altra corsia e un temporale con fulmini verticali giusto di fianco a noi. un po’ di paura e di acqua, ma a questa quota è solo un piacere..
Vedere l’Oceano Atlantico dopo essere partiti dal Pacifico è una bella emozione. I 2 mari uniti dal nostro lungo viaggio. Ma significa anche che siamo vicini alla meta. Dopo tanto sudare ci meritiamo questa sosta. Arriviamo sulla costa la domenica pomeriggio e ci becchiamo il traffico di rientro dell’ultimo weekend estivo prima dell’inizio delle scuole. L’inferno. Almeno 20 km di coda con le macchine disposte su tutta la carreggiata , compresa la corsia opposta, in modo da cerare fila anche dalla nostra parte. E’ unozigzag continuo Il posto scelto si chiama Tucacas e si rivela un vero paradin mezzo a ragazzi che scendono dalle auto con una birra in mano per vedere cosa succede. Il bello è che sembrano sorpresi della coda, domandano se c’è stato un incidente e io bello sorridente gli rispondo che possono anche mettersi comodi che stanotte la passeranno li.. Ci lasciamo alle spalle l’immenso serpente di metallo e in una calma quasi surreale raggiungiamo Boca de Aroa un paesello in cui a fatica riusciamo a trovare una sistemazione buona soprattutto per le informazioni che saranno utili il giorno dopo. veniamo consigliati di non spingerci fino a Chichiriviche ma di fermarci a Tucacas, tanto da li le barche partono comunque per gli stessi isolotti. Ci fidiamo (e scopriremo di aver fatto bene) e ci troviamo una pensioncina supereconomica accordandoci già con un “lancheros” (quelli che guidano le lance) per un tour degli isolotti il giorno seguente. Arriviamo a Tucacas tra l’altro di lunedi che è anche il giorno in cui chiudono l’accesso alle auto alla spiaggia che è essa stessa su un’isola, collegata da un ponte. in spiaggia siamo in 10, l’acqua cristallina, la spiaggia bianca. Meraviglia! Il giorno dopo è ancora meglio. Buona compagnia e giro favoloso tra cayos caraibici, con acqua limpida, snorkelling vicino alla riva con pesci dai mille colori. i nostri occhi si saziano fino a risultare pieni di tanta bellezza. Un giorno e mezzo al mare… può bastare, e decidiamo di procedere verso Valencia in cui arriviamo oggi anche abbastanza presto dopo aver svalicato un monte. Ci viene a prendere Roberto con un caricabiciclette e ci porta a casa sua. Lo abbiamo conosciuto su warmshowers, una community di cicloturisti che si danno da dormire a vicenda. Uno a Caracas che ci riceverà si sta già occupando di trovarci 2 casse perle bici e ci porterà lui direttamente in aeroporto, per cui molto bene e viva warmshowers! Con Roberto usciamo a mangiare una cocada (gelato di cocco con frutta) e poi unpo’ di cachapas con formaggio da portare a casa dove ci aspetta una bella bottiglia si Syrah!
Sorry:
- Please recheck your ID(s).
- If you are showing a private album, check that the "Retrieve Photos From" option is set to "User's Private Album" and that the Authorization Key is correct.